martedì 29 marzo 2011

Quel treno per Santa Fe(deltà)




Mai sottovalutare ritardi e cambi di binario quando si progetta una fuga dalla propria famiglia. Se foste stati sgamati alla stazione in questa situazione che avreste fatto?
p.s. ho fatto le 3 di notte per finire questo esercizio, ormai quasi cieco, e credo si capisca dalle linee tremolanti qua e là.

6 commenti:

  1. Bellina, bravo Rosario.
    Ora vediamo cosa dice il capitano Franco, lo vedo abbastanza arrabbiato >_<'

    RispondiElimina
  2. Grazie Finè, io punto sempre più all'aspetto vignettoso-situazionale pittosto che al disegno per ovvie mie carenze tecniche. So che franco me magnerà per qualche errore che ora non riesco ad immaginare per carenza di sonno accumulata -_-

    RispondiElimina
  3. Ti capisco Rosario, relativamente al sonno. Oggi ho imparato che il mio limite massimo di sere a disegnare fino all'una e mezza è di tre. Che coma ! Stasera cena e a nanna dopo Carosello.
    Secondo me, per il tuo stile, 'sta linea chiara ti va bene perchè ti obbliga a essere pulito, e comunque semplifica i disegni. La vignetta è , come sempre, una f..ata !

    RispondiElimina
  4. Lo sai Giack, che ci pensavo anche io a sta storia della linea chiara? dovrei trovare una via di mezzo, perchè mi piacerebbe inchistrare sempre con pennello. grazie comunque. aspetto di vedere il tuo treno.

    RispondiElimina
  5. Anche io sarei per il pennello, ma mi sa che ce la fai, nel senso che se guardi TinTin mi sembra che la linea sia molto modulata. Certo che per la locomotiva col pennello come fai? io ho usato i pennarelli.
    Per il treno l'ho messo sul blog. Oltre alla tua silouhette.

    RispondiElimina
  6. L'ho visto e commentato adesso! vai vermante alla velocità della luce. complimenti

    RispondiElimina